Il sito di Michele Rinaldi è un’esplosione di colori che fa bene agli occhi e alla mente! Ti consigliamo di visitarlo: scoprirai le caratteristiche e i benefici delle piante tintorie per la cura e per la colorazione dei capelli. Ce n’è per tutti i gusti, sia per donna che per uomo, e per tutte le esigenze, dalla cura dei capelli secchi all’anti-caduta, dagli effetti antinfiammatori a quelli lucidanti.
“Dipingiamo i vostri capelli esclusivamente con le nostre piante officinali pure, realizziamo davanti a voi la vostra miscela amalgamando il tutto con la sola acqua. Ogni nostra pianta è priva di sodio picramato, metalli pesanti, parafenilendiammina e derivati. Sogniamo di farvi vivere un’esperienza, amiamo i capelli sani pertanto non utilizziamo tinte e decolorazione”.
Ma se non hai modo di frequentare la SPA per capelli e corpo di Michele Rinaldi, che si trova a Senago, puoi comunque prenderti un po’ di tempo per leggere e scoprire le proprietà dell’alga spirulina, dell’erba medica, della rosa composta e di tante altre erbe tintorie, che potrai acquistare direttamente dallo shop.

Noi abbiamo provato:

Spirulina

Alga planktonica ricca di protidi ad alto valore nutrizionale, apporta vitamina B K E F e C, provitamina A, sali minerali. Viene considerata un alimento naturale ad alto valore nutritivo, recenti studi ne hanno messi in luce proprietà anti-tumorali ed antianemiche. Utilizzata sulla fibra capillare non muta il colore dei capelli apportando elasticità morbidezza e lucentezza, ottima prima e dopo l’esposizione solare grazie alla presenza del beta-carotene.

michele rinaldi

Fieno greco

Ad uso esterno estremamente emolliente, cicatrizzante, antinfiammatorio e antimicrobico.

michele rinaldi

Altea

Pianta dall’elevato potere emolliente, addolcente e lenitiva per la cute. Essendo ricca di mucillagini si consiglia un suo utilizzo in unione con erbe tintorie o ayurvediche al fine di ottenere una presa migliore delle stesse sulla fibra capillare. Ottima utilizzata pura per migliorare lo stelo del capello senza modificare il colore di partenza.

michele rinaldi